Crea sito

WordPress – gestione utenti e profili

Si dice sempre che WordPress non è una semplice piattaforma per blog, ma è un vero e proprio CMS. Ma cosa è un CMS?
Un CMS, cioè un Content Management System, che tradotto significa "sistema di gestione dei contenuti" è un sistema per la pubblicazione di informazioni sul web, che non necessita la conoscenza del linguaggio html.
Indicato così anche un semplice blog è un CMS, ma in genere si incomincia a considerare un sistema come CMS, quando ci sono più persone a scrivere.

E, come sui computer, quando ci sono più persone che lo utilizzano, è bene mettere delle regole su chi può fare cosa.

Wordpress ci mette a disposizione dei profili predefiniti che possono andare bene per la maggioranza degli utilizzatori. In caso servano dei profili aggiuntivi, con caratteristiche diverse è possibile farlo tramite appositi plugin.

I profili predefiniti di WordPress sono Sottoscrittore, Collaboratore, Autore, Editore e Amministratore. Il profilo Sottoscrittore è l'unico che non da alcun permesso di scrittura, e in questo caso lo possiamo tranquillamente ignorare.

Per quanto riguarda i rimanenti profili, sono di seguito elencate le caratteristiche.

Collaboratore: questo utente ha la possibilità di inviare file e di scrivere e modificare gli articoli. Non ha la possibilità di pubblicarli; gli articoli sono salvati in stato di bozza e devono essere approvati da un editore.
Questo profilo va usato per gli utenti nuovi, ancora in prova, o comunque per quegli utenti per i quali è necessario verificare il lavoro prima di pubblicarlo.
Autore: questo utente ha la possibilità di inviare file, scrivere i propri articoli, modificarli e pubblicarli. Ha anche la possibilità di cancellare i propri articoli.
Questo profilo può essere usato per utenti che ormai hanno la nostra fiducia e per cui non è necessario approvare il lavoro prima di pubblicarlo.
Editore: questo utente ha gli stessi diritti di un Autore, con le seguenti caratteristiche aggiuntive: può moderare i commenti, gestire le categorie e i link, creare le pagine statiche e modificare i post degli altri autori. Può anche leggere e modificare i post privati.
Questo profilo va usato per gli utenti più esperti, che oltre ad avere la completa libertà su quanto pubblicato, hanno la necessità di controllare il lavoro dei collaboratori e pubblicare i loro articoli.
Amministratore: questo utente ha la possibilità di installare, modificare e cancellare temi e plugin, può modificare qualsiasi parametro riguardante la configurazione e l'aspetto di wordpress, compresa l'attivazione e la gestione dei widget. Può anche creare e cancellare altri utenti, compresi altri amministratori.
Questo profilo, in un ambiente con più utenti, dovrebbe essere utilizzato solo per la gestione della piattaforma. L'utente amministratore non dovrbbe essere utilizzato per la scrittura e pubblicazione di articoli.

Queste sono, in dettaglio, le caratteristiche per i vari profili. In un ambiente dove c'è un unico utilizzatore non ha senso utilizzare più utenti, ma già quando le persone incominciano ad essere due o più, è meglio creare ed utilizzare utenti diversi.
In caso di utilizzo della piattaforma da parte di più persone è importante dare ad ogni utente il profilo più adatto alle effettive necessità. Non dare a tutti il profilo da amministratore perché "è il più fico".

Un esempio concreto, può essere il mio sito di cucina labuonacucina.org. A scrivere in questo spazio siamo in tre. Per due persone ho creato due utenti con il profilo di autore, in modo che possano gestire in autonomia l'inserimento di nuove ricette; per me ho creato un utente con profilo di editore, per correggere eventuali problemi e per gerstire eventuali futuri collaboratori.
L'utente con il profilo di amministratore lo utilizzo solo per le (poche) modifiche alla configurazione e per gli aggiornamenti di wordpress e dei plugin.

Filed Under: webwordpress

Tags:

About the Author: Marzio

RSSComments (2)

Lascia un commento | Trackback URL

  1. Grazie mille, stavo giusto cercando una spiegazione chiara sui differenti ruoli con relativa gerarchia.

    Addendum:
    ci sono degli errori di trascrizione nella parte autore, collaboratore, etc. Questo è il testo corretto:

    Collaboratore: questo utente ha la possibilità di inviare file e di scrivere e modificare gli articoli. Non ha la possibilità di pubblicarli; gli articoli sono salvati in stato di bozza e devono essere approvati da un editore. Questo profilo va usato per gli utenti nuovi, ancora in prova, o comunque per quegli utenti per i quali è necessario verificare il lavoro prima di pubblicarlo.

    Autore: questo utente ha la possibilità di inviare file, scrivere i propri articoli, modificarli e pubblicarli. Ha anche la possibilità di cancellare i propri articoli. Questo profilo può essere usato per utenti che ormai hanno la nostra fiducia e per cui non è necessario approvare il lavoro prima di pubblicarlo.

    Editore: questo utente ha gli stessi diritti di un Autore, con le seguenti caratteristiche aggiuntive: può moderare i commenti, gestire le categorie e i link, creare le pagine statiche e modificare i post degli altri autori. Può anche leggere e modificare i post privati. Questo profilo va usato per gli utenti più esperti, che oltre ad avere la completa libertà su quanto pubblicato, hanno la necessità di controllare il lavoro dei collaboratori e pubblicare i loro articoli.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.